Foto con rappresentante Londra presso UE: l'assessore al Bilancio con la maglia dei Metallica

La foto, sul profilo facebook di Roma Capitale, ha scatenato la reazione dei romani

La maglia del gruppo rock "Metallica", con tanto di scritta 'and justice for all', per 'rendere omaggio' a Jeremy Browne, rappresentante speciale di Londra presso l'Unione Europea, ricevuto in Campidoglio insieme al vicesindaco, Luca Bergamo. Così, in una foto scattata ieri ma pubblicata oggi dal profilo facebook di Roma Capitale, si è fatto immortalare l'assessore capitolino al Bilancio, Gianni Lemmetti, mentre in sala Bandiere consegnava, insieme al vicesindaco, una medaglia-ricordo all'ospite inglese. 

Una bizzarra scelta di abbigliamento (non la prima) quella dell'esponente dell'esecutivo capitolino, che non è passata inosservata e che diversi utenti (non tutti, perchè da alcuni è stata anche applaudita) hanno apostrofato con parole polemiche, commentando la foto condivisa da Lemmetti sul suo profilo. "L'assessore al Bilancio non aveva una camicia per l'occasione? A volte si deve interpretare e rappresentare un ruolo e una città... Non una città di provincia, ma la capitale d'Italia... Secondo me un privilegio.. Quindi la T-shirt con i mostri è ridicola è fuori luogo", ha scritto Patrizia Vergari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Forse l'abbigliamento dei rappresentanti di Roma Capitale andrebbe rivisto", ha evidenziato Silvana Lisi. "Se lo lasci dire sono molto ma molto piu' adatte a dei ragazzini di 15-18 anni, non ad un distinto professionista di quasi 50 anni. Mi perdoni ma tale abbigliamento passa spesso come un segno di mancanza di rispetto nei confronti degli interlocutori e della cittadinanza", ha osservato Simon Imperator. "Che figura di m....", il commento di altri due utenti. [fonte Agenzia Dire]
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento
TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST